Sorsi di Maremma

San Felo

Fattoria San Felo sorge all’alba di questo millennio, grazie al sogno coltivato con passione, competenza e tenacia dal giovane Federico Vanni, che, con la sua famiglia, ha acquisito terreni in una posizione strategica della subregione maremmana: poco distante dalle coste bagnate dal Tirreno e dal Parco naturale della Maremma, da una parte la catena collinare dell’Uccellina, sul fronte opposto, seppur più lontana, la vetta del monte Amiata.

Azienda moderna a tutti gli effetti, non dimentica la tradizione, continuando a nutrirsi della sapienza secolare contadina, col fermo obiettivo di produrre vini di qualità ineccepibile e rappresentativi del territorio, tanto da diventare nel giro di pochi anni un modello significativo per la Maremma e alfiere del suo emblema enologico, la DOCG Morellino di Scansano.

Italy
Regione
Toscana
Città
Magliano in Toscana

Vuoi un assaggio?

Il racconto di un vino è una risorsa preziosa, ma nulla è meglio di un assaggio!

Grazie alle nostre schede di degustazione e abbinamento potrai assaporare a pieno tutte le caratteristiche dei migliori vini italiani, comprendendone pregi e sfumature.

Vuoi iniziare il tuo viaggio alla scoperta dei vini italiani?

Capitolo 1

La cantina

Capitolo 2

Il territorio

Capitolo 3

Il vignaiolo

Noi vignaioli siamo i primi che devono curare il territorio: le nostre mattine e le nostre sere non possono essere che qui

Federico — Il vignaiolo

Il rosso della box

Lampo

Nome
Lampo
Denominazione
Morellino di Scansano “Lampo” DOCG
Annata
2018

Come servire

wine-glass
Coppa di medie grandi dimensioni
wine-temperature
Temperatura
16°C

Guardare

Il colore rosso rubino profondo con riflessi quasi neri

Sentire

Gli aromi della frutta: ciliegia intensa, amarena e prugna matura. E i sentori di macchia mediterranea. Poi le spezie, liquirizia, e gli eleganti cenni balsamici

Percepire

Il marchio fruttato della ciliegia così gustoso, la morbidezza in armonia coi tannini levigati e un’intrigante speziatura derivata dalla maturazione in legno a donargli lunga persistenza.

Abbinamenti

Divertiti con gli antipasti → coi salumi stagionati, ancor meglio se di cinghiale o da suini allo stato brado; e, naturalmente, coi tipici crostini toscani di fegatini. Sulle pizze romane con farciture importanti e sostanziose, anche piccanti.

Goditelo a pranzo → prepara la brace per il barbecue, o, se non si può all’aria aperta, scalda le padelle fino al livello “infernale”: quando diventano roventi, vai con bistecche e costate di manzo nei suoi più adeguati tagli, dalla lombata allo scamone. Mentre la griglia si scalda, non esitare a godertelo sui gustosi tortelli maremmani al ragù.

Una cena in Maremma → sulle classiche pappardelle alla lepre, al ragù misto o di cinghiale, lo stesso che verrà servito alla cacciatora o alla maremmana, con cui andrà a nozze. Strepitoso sul tradizionale buglione d’agnello.
Infine, coi formaggi, sia vaccini che ovini, a media stagionatura.

Il bianco della box

Le Stoppie Vermentino

Nome
Le Stoppie Vermentino
Denominazione
Maremma Toscana Vermentino DOC
Annata
2019

Come servire

wine-glass
Coppa di medie dimensioni tipo tulipano
wine-temperature
Temperatura
10-12°C

Guardare

Il giallo chiaro e luminoso, dai riflessi verdognoli

Sentire

L’ampio bouquet aromatico di fiori bianchi, soprattutto di agrumi gialli, ma anche biancospino e foglie di pomodoro, alternati all’intensità dei toni fruttati, anch’essi agrumati, con cenni di melone

Percepire

La freschezza delle note agrumate e la prevalenza di una piacevole sapidità assicurano una beva disinvolta.

Abbinamenti

Divertiti con gli antipasti → di mare soprattutto, ma non soltanto: dalle bruschette con burro e acciughe, o con pesto di prezzemolo, alle torte salate, dalle frittatone di verdure alle ricette semplici con molluschi e frutti di mare, e persino con i crudi, se dai sapori delicati. Su quelli sfiziosi e saporiti come le girelle di formaggio con olive e granella di mandorle, e con una parmigiana di cardi o zucchine in bianco.
Goditelo a pranzo → con un primo piatto di pasta con mix mare e terra, o un risotto allo scoglio; con pesci a polpa bianca, cotti all’acqua pazza o arrostiti, con sugarelli in umido, o pesci simili anche conditi alla mediterranea. Con calamari alla brace, ma anche bocconcini di pollo aromatizzati. Sorprendente, poi, con funghi e patate.
Una cena in Maremma → a partire da un’acquacotta di primavera alla maremmana fino a un trancio di tonno appena scottato.